REGISTRO ITALIANO DIGHE

Ufficio Periferico di Cagliari


Home

 

punto

Caratteristiche dimensionali delle dighe della Sardegna e stato dei collaudi e delle autorizzazioni all’invaso

 

Con l’avvenuta dismissione delle dighe storiche di Santa Chiara e Busachi, destinate ad essere sommerse a seguito dell’invaso della nuova diga di Cantoniera (la piccola diga di Busachi è già da tempo completamente sommersa), le dighe di competenza dell’Ufficio Periferico di Cagliari del Registro Italiano Dighe sono oggi 57. Di queste,

-

3 sono in costruzione: Cumbidanovu, Monti Nieddu ed Is Canargius;

-

2 non sono invasabili, perché adibite a sola laminazione delle piene: Monte Crispu (Bosa) e Mogoro;

-

33 sono collaudate;

-

19 sono quelle il cui collaudo non si è ancora concluso.

 

Delle 33 dighe collaudate, sono 7 quelle con invaso limitato o non autorizzato.

Il volume utile complessivo delle 33 dighe collaudate, ammonta a 637,4 Mm³, di cui 635,1 Mm³ (99,6% del totale) autorizzati.

 

Delle 19 dighe il cui collaudo non si è ancora concluso, sono attualmente 10 quelle con invaso autorizzato in parte o non autorizzato.

Il volume utile complessivo delle 19 dighe il cui collaudo non è concluso, ammonta a 1642,2 Mm³, di cui 1268,8 Mm³ (77,3% del totale) autorizzati.

Escludendo Cantoniera, il volume utile complessivo delle rimanenti 18 dighe non collaudate ammonta a 897,2 Mm³, di cui 838,8 Mm³ (93,5% del totale) autorizzati.

 

Nel complesso, il volume utile complessivo delle 52 dighe di ritenuta della Sardegna ammonta a 2.280 Mm³, di cui 1.904 Mm³ autorizzati.

Escludendo Cantoniera, il volume utile complessivo delle 51 dighe di ritenuta rimanenti ammonta a 1.535 Mm³, di cui 1.474 (96% del totale) autorizzati.

 

Generale.pdf

Download della tabella in formato PDF con le principali caratteristiche dimensionali delle dighe della Sardegna e con lo stato aggiornato dei collaudi e delle autorizzazioni all’invaso (è preferibile stampare in formato A3, senza prevedere alcun ridimensionamento della pagina con aggiunta di margini ulteriori e non necessari).

 

N.B.: I dati relativi all’utilizzazione delle acque dell’invaso (potabile, irrigua, idroelettrica, etc.) sono quelli dichiarati dai concessionari o gestori ai fini della compilazione dei fogli di condizioni per l’esercizio e la manutenzione, o comunque risultanti da rapporti ufficiali intervenuti con il Registro Italiano Dighe. Eventuali utilizzazioni secondarie che non rispondano a detti requisiti non sono citate nella tabella.

 

top


Pagina creata da Luigi Ghinami

Ottimizzata per una risoluzione 800x600 o superiore

Ultimo aggiornamento: 14 luglio 2006