back

REGISTRO ITALIANO DIGHE

Ufficio Periferico di Cagliari

english version


 

Diga dell’Alpe Gera

 

 

Paese

Italia (Lombardia)

Fiume

Torrente Cormor

Tipologia

A gravità in calcestruzzo

Periodo di realizzazione

1958-1964

Altezza sulla fondazione

174 m

Volume di invaso

68,1 Mm³

Volume utile

62,7 Mm³

Volume della diga

1.700.000 m³

Quota massima di regolazione

2.125 m s.l.m.

Quota di massimo invaso

2.126 m s.l.m.

Quota del coronamento

2.128 m s.l.m.

Sviluppo del coronamento

528 m

Capacità di scarico

Sfioratore: 62 m³/s;

Scarichi profondi: 186 m³/s.

Potenza nominale installata

35 MW

Note

La diga di Alpe Gera è la più alta diga a gravità costruita in Italia, ed una delle più alte al mondo.

Considerato che, nelle dighe a gravità massicce, la resistenza del calcestruzzo è generalmente molto al di sopra di quanto richiesto dalla normativa italiana, il corpo diga fu realizzato con un calcestruzzo a basso tenore di cemento ed acqua. In tal modo, fu possibile porre in opera il calcestruzzo mediante autocarri, a strati orizzontali di limitato spessore estesi a tutta la sezione orizzontale della diga. La natura secca e consistente del calcestruzzo, assicurava che le sue caratteristiche non venissero alterate passandovi sopra con gli autocarri solo poche ore dopo il getto. I giunti trasversali vennero realizzati tagliando gli strati di calcestruzzo, ancora allo stato pastoso, con una lama vibrante.

Il dubbio che le molte riprese orizzontali potessero nuocere alla permeabilità dell’opera, suggerì di rivestire il paramento di monte della diga con pannelli metallici dello spessore di 3 mm.

 

top


Pagina creata da Luigi Ghinami email

Ottimizzata per una risoluzione 800x600 o superiore

Ultimo aggiornamento: 4 agosto 2005