back

REGISTRO ITALIANO DIGHE

Ufficio Periferico di Cagliari

english version


 

Diga di Sardar Sarovar (Narmada)

 

 

Paese

India

Italia (Basilicata)

Fiume

Narmada

Sinni

Tipologia

A gravità in calcestruzzo

In terra omogenea con manto in calcestruzzo bituminoso sul paramento di monte

Periodo di realizzazione

La costruzione ebbe inizio nel 1983, e non è stata ancora completata

1973-1983

Altezza sulla fondazione

163 m

67 m

Volume di invaso

9.500 Mm³

482 Mm³

Volume utile

5.800 Mm³

450 Mm³

Volume della diga

6.820.000 m³

11.700.000 m³

Quota massima di regolazione

138,68 m s.l.m.

252,00 m s.l.m.

Quota di massimo invaso

140,21 m s.l.m.

255,80 m s.l.m.

Quota del coronamento

146,50 m s.l.m.

258,00 m s.l.m.

Sviluppo del coronamento

1.210 m

1.830 m

Capacità di scarico

Sfioratore: 84.950 m³/s;

4 condotte di scarico in alveo: 1.068 m³/s.

Sfioratore a calice semicircolare presso la spalla sinistra: 470 m³/s;

Sfioratore rettilineo in destra: 280 m³/s;

Scarichi profondi: 510 m³/s.

Potenza nominale installata

Il “Sardar Sarovar Project” prevede due centrali idroelettriche: la “River Bed Power House” da 1.200 MW e la “Canal Head Power House” da 250 MW. La River Bed Power House è una centrale in caverna situate in sponda destra, circa 165 metri a valle della diga. Ospita sei gruppi reversibili pompa-turbina Francis ciascuno della potenza di 200 MW. La Canal Head Power House è invece un edificio esterno situato in una diga laterale che chiude una sella sulla sponda destra del serbatoio. Ospita cinque gruppi, ciascuno da 50 MW.

Non vi è un impianto idroelettrico alimentato dal serbatoio di Monte Cotugno

Note

Il “Sardar Sarovar Project” sul fiume Narmada ha scatenato controversie in tutto il mondo. Il progetto si ripropone di rendere irrigabili quasi due milioni di ettari di terreno arido, e sarebbe perciò il più grande sistema di irrigazione del mondo. Provvederà acqua potabile per 30 milioni di persone che vivono in aree siccitose, e produrrà elettricità per l’agricoltura, le città e l’industria. Ma mette a rischio il sostentamento di oltre 140.000 persone nelle aree che saranno sommerse dall’invaso o che saranno interessate dalla costruzione dei grandi canali di irrigazione che si dipartono dalla diga di Sardar Sarovar. Le opere, peraltro, potrebbero avere pesanti ricadute ambientali.

La diga di Monte Cotugno forma il secondo lago artificiale italiano per capacità (dopo il Lago Omodeo, in Sardegna)

 

top


Pagina creata da Luigi Ghinami email

Ottimizzata per una risoluzione 800x600 o superiore

Ultimo aggiornamento: 4 agosto 2005